Collaborative spaces in Milan – #uuushhtour

*Traduzione in italiano di seguito.

/// This post is written by Andrea Paoletti

In November we opened our section #uuushhtour: a story/journey through the cities and their collaborative spaces (spaces that encourage people to stay and do together) and in December we made a stop in Milan.
The list of places that deserved a visit was long but we gave priority to those that have garnered a lot of attention in the last months.

last 014Luciana Gomez guided us through the “rooms” of Talent Garden. Lucia is a graphic and interior designer and was enrolled to design the space together with the community and consequently make the space more collaborative. Great choice! And by looking at the space, that is what was needed.

last 005

last 016

Talent Garden is indeed more collaborative through its layout, yet there is very little personalisation in the details. We were able to read a bit about the work of the community and their participation. Lucia’s first step toward creating community was simple in manner but strong: transforming the slogan from “Passion working space” to “Passion working people” and put it at the entrance for those who work inside and to give a more human aspect to coworking.

last 002

For the business’s philosophy the materials used are always the same for every TAG space in the world. So there is wood, green moss, boxes (by Kubedesign), synthetic lawn and glass. TAG wants to have the “home” feeling for its coworkers whether they are in Milan, New York or Genova, and so the spaces are immediately recognizable by the brand.

last 010

last 009

The space is divided in three floors of work that include spaces for flexible and temporary workers and others fixed in open space and some private office space that has reserved access. Within the space meeting rooms are interwoven (with transparent walls to allow a visual connection with the outside) and there are some prototypes of “telephone boxes” for Skype or private phone calls. A chat zone and area for food and drink and a large event room occupies the basement.

last 012 last 021

Walls coloured with chalkboard paint, tree trunks to simulate nature and inspirational phrases enrich the co-working interior.
Our journey continued in the neighbourhood of Garibaldi/Isola where a new office, Stecca 3, was transformed (both inside and out) into an enormous collaborative space.

last 073

It has a skatepark, 0 km market and many citizens of the neighbourhood who meet to share time, space and knowledge.

last 077

It is a place where the culture of DIY is very strong. The association piùbici manages Ciclofficina, a workshop of bike self-repair.

last 081

It was immediately transformed into a meeting point for urban cyclists and for bike makers. A workshop where you design and build new forms of two-wheel vehicles.

last 084

Instead Controprogetto with Legambiente have created BRIChECO, a workshop for carpenters in which furniture and objects are created using the material and tools available.

last 092

From one neighbourhood to another. At via Ampere the space Barra A has multiplied. We have already spoken here but from some months ago it has evolved.

last 172

The space, in our opinion, is the perfect level of layout and attention to detail (first through all the perfect natural light), It contains between 90 and 100 fixed co-workers in different types of stations (micro-enterprises and individual) and with a great diversity in ability.

last 175

The space was opened to the city with a bar/restaurant Upcycle (the more interesting elements are the tables which force the people to interact) and has an open space mix between co-working and event space. Throughout the design is clean, made with visual transparency and essential materials.

last 181

last 167 last 170

What is missing here is warmth, you feel the community very little (again!) and that factor is perceived within the space and you see it. But a solution for this is found in Giulia (who was our guide through the space).

last 178 last 179

The sensation was one of hipster tendencies that are attached to every space in Milan and more than thinking about the wellbeing and involvement of clients within the space, the thinking is only for the aesthetics.

last 026 last 038

An example is Osterì, a trattoria in the zone of via Monti, where the décor is just for appearances and no elements are interactive with the clients, except to stimulate the curiosity about the use of materials.

last 037

At Pavè, a sweets bakery with meeting space, instead the space was designed to welcome people, to make them feel at home, filled with delicious smells, to know all of their products, a living room also and the team has not left any details to chance (there is even a bike pump available for bicycle tyres).

last 108 last 109 last 111 last 117 last 119

The last collaborative space we visited in this tour was Impact Hub. It’s much more than a co-working and you see it through the form, you feel it through the atmosphere and you perceive the great work the community carries out every day.

last 206

last 195 last 202

One complete space, one large open space that during the day is used by about 30 co-workers while for events and presentations it is transformed into a large room. There are two different meeting rooms, which, thanks to mobile walls can also be transformed into just one large room for particular events.

last 194 last 200

Great flexibility, use of recycled materials and space in which you can move in a fluid manner.

last 199 last 201 last 203

The entire project was designed by us in 2009 together with Controprogetto, it was co-designed with the hubbers and users of the space and involved the community through the selections, modifications and through the physical constructions and changes that happened.

last 204

This is the essential point we consider as the basis of collaborative spaces; the involvement of the community though the design and construction (day by day) within the space.
You could have many advantages.
If you haven’t done it, start! And if you need some help, write to us at hello@uuushh.com, we’re here for this!
You can follow #uuushhtour also through instagram, facebook and twitter.

PS We missed it live but you can visit online the space Open.

//

A novembre abbiamo inaugurato la sezione #uuushhtour: un racconto / viaggio per le cittá e i suoi spazi di collaborazione (spazi che incentivano le persone a unirsi e stare / fare insieme) e a dicembre abbiamo fatto tappa a Milano.
La lista dei posti che meritavano la nostra visita sarebbe stata lunghissima ma abbiamo dato prioritá a alcuni luoghi che negli ultimi mesi hanno sollevato molta attenzione.
Lucia Gomez ci ha guidato tra le “stanze” di Talent Garden. Lucia é una grafica e interior designer ed é stata “arruolata” per disegnare lo spazio insieme alla community e rendere lo spazio, quindi, piú collaborativo. Ottima scelta! E’ ciò di cui c’era bisogno guardando lo spazio. Talent Garden infatti pur risultando “collaborativo” nel suo layout, è ancora molto poco personalizzato nei dettagli. Siamo riusciti a leggere poco un lavoro di community e di partecipazione. Un primo passo verso la community Lucia l’ha fatto, in maniera semplice ma forte, trasformando il claim “Passion working space” in “Passion working people” mettendo all’ingresso le facce di chi lavora all’interno e dando un aspetto più umano al co-working.
Per filosofia aziendale i materiali utilizzati sono sempre gli stessi per tutti gli spazi TAG nel mondo. Quindi legno, muschi verdi, cartone (di Kube-design), prato sintetico, vetro. Perchè TAG vuole far sentire “a casa” i suoi co-workers sia che siano a Milano sia a New York o Genova, quindi che lo spazio sia subito riconoscibile al brand.
Lo spazio è diviso in 3 piani di lavoro, che includono postazioni per lavoratori flessibili e temporanei e altre fisse in open space e alcuni spazi ufficio privati ad accesso riservato. L’intero spazio è intervallato da sale riunioni (con pareti trasparenti per permettere una connessione visiva con l’esterno) e alcuni prototipi di “cabine telefoniche” per Skype call o telefonate private. Una zona chiacchiere e distributori di cibo/bibite, e una grande sala eventi occupano invece il seminterrato.
Pareti colorate con vernice scrivibile con i gessi, tronchi di albero a simulare la natura e frasi d’ispirazione arricchiscono l’intero co-working.
Il nostro viaggio è continuato nel quartiere Garibaldi / Isola dove un nuovo edificio, Stecca 3, si è trasformato (sia all’interno che all’ esterno) in un enorme spazio collaborativo. Con skate park, mercato a km 0 e molti cittadini del quartiere che qui si riuniscono per condividere tempo, spazio e saper fare. Dove la cultura del DIY è fortissima. L’ Associazione piùbici gestisce la Ciclofficina, un laboratorio per l’autoriparazione delle bici. Si è subito trasformato in un punto di ritrovo e incontro per ciclisti urbani e per artigiani della bici. Un laboratorio dove si progettano e si realizzano nuove forme di veicoli a due ruote. Invece Controprogetto con Legambiente hanno creato BRIChECO un laboratorio di falegnameria in cui creare mobili o oggetti utilizzando materiali e strumenti disponibili sul posto.
Da un quartiere a un altro. In via Ampere Barra A ha moltiplicato il suo spazio. Già ne avevamo parlato qui ma da qualche mese si è evoluto. Lo spazio, secondo noi perfetto a livello di layout e qualità di dettaglio (primo su tutto la perfetta luminosità naturale), contiene tra i 90 e 100 co-workers fissi in diversa tipologia di postazione (micro-imprese e individui) e con una grande diversità di competenze. Lo spazio si è aperto alla città con il bar/ristorante Upcycle (gli elementi più interessanti sono le tavolate che obbligano le persone a interagire) e con un open space mix tra co-working e spazio eventi. Attraverso un disegno pulito, fatto di trasparenze visive e materiali essenziali.
Quello che manca in tutto questo è il calore, si sente molto poco la community (ancora una volta!), e questo fattore lo si percepisce nello spazio e lo si vede. Ma a questo dovrebbe trovare una soluzione Giulia (che è stata anche la nostra guida nello spazio!).
La sensazione è che la tendenza hipster sta intaccando ogni spazio a Milano e più che al benessere e al coinvolgimento del cliente all’interno dello spazio si pensa alla pura estetica.
Un esempio è Osterì, trattoria in zona via Monti, dove l’arredamento è solo per abbellimento e nessun elemento rende interattiva la presenza del cliente, se non attraverso lo stimolo alla curiosità circa l’utilizzo dei materiali.
Da Pavè, pasticceria e spazio di incontro, invece lo spazio è pensato per accogliere le persone, farle sentire a casa, deliziarle con profumi, sapere tutto sui prodotti, vivere in salotto anche per strada e i ragazzi non lasciano nessun dettaglio al caso (mettono a disposizione anche una pompa per gonfiare le ruote della bicicletta).
L’ultimo spazio di collaborazione che abbiamo visitato in questo tour è stato Impact Hub. E’ molto di più di un co-working e lo si vede nella sua forma, lo si sente nella sua atmosfera e lo si percepisce dal grande lavoro di community che portano avanti ogni giorno. Uno spazio interno, un grande open space, che durante il giorno è vissuto da circa 30 co-workers e che all’occorrenza di eventi, presentazioni viene trasformato in una grande sala. Due diverse sale riunioni che grazie a pareti mobili possono anche essere trasformate in una sola grande sala per eventi particolari. Grande flessibilità, uso di materiali di riuso e spazio in cui ci si muove in maniera fluida.
L’intero progetto, che abbiamo progettato noi nel 2009 insieme a Controprogetto, è stato co-disegnato con gli hubbers e tuttora lo spazio è gestito coinvolgendo la community nella scelta delle modifiche e nella costruzione fisica dei cambiamenti da apportare.

Questa è il punto essenziale che riteniamo stia alla base degli spazi di collaborazione: il coinvolgimento della community nella progettazione e nella costruzione (giorno dopo giorno) dello spazio.
Vi porterebbe molti vantaggi.
Se ancora non lo fate, iniziate! E se avete bisogno di un’aiuto, scriveteci a hello@uuushhh.com, siamo qui per questo!
Potete seguire #uuushhtour anche su pinterest, facebook e twitter.

PS Ce lo siamo persi dal vivo ma visitate online anche lo spazio Open.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s