Co-making Saga | 2. Homo Faber

*Traduzione in italiano di seguito.

/// This post is written by Giovanni Diele

02_cover

In the preceding post of the co-making saga, we launched a question: how have places of “doing together” changed from yesterday to today? Here we try to track a pathway of social making via small steps.

The organisation of “doing” places respond to a primary need of Homo Faber, that is the man as creator; the capacity to create, build, transform the environment and the reality in which he lives, adapting to his needs. The peasant and rural lives build the first examples of social organisation of work, which dictate collaboration among all of the family, including women and children, where the only principle was of productivity and the division of housework, but above all the division of tiring and slow burdening activities. The work that they do at the bench or on the spot is brought into the yard, or street, where the work is alternated and lightened by a feeling of sharing and celebration. For the economy of the primary sector of places that are principally rural, they associate the activity of transformation and sale of commercial goods and artisan products to the city, in the form of small stores, which are ordained as the goods sales point where sometimes they produce the same objects as those that are being sold.

02_liuteria

Lute workshop, engraving XVIII sec

Workshop and street work: The workshop was born as a tavern in ancient Rome, and was initially characterised as a commercial outpost of freedom and a wine bar for cask wine. The Latin roots of the workshop is apotheca; derived from the Sicilian putia, or putio du vinu sfusu, where you go to buy and consume cask wine in company. The workshop of medieval times then became a place representative of the mechanics for the production of artisan works. The workshop didn’t serve only as a storage of wares to sell but it was simultaneously the workshop, when this wasn’t occupied by a retro-workshop or some mezzanine or platform where the shop-boys and students generally stayed because often the master gave board and accommodation to the workers in hope that they can open their own workshop one day. Although the work was divided it didn’t follow scientific criteria, thinking only to the best type and furniture characters, or to the lute workshop, the main workers of the workshop followed pieces of work in an organised and productive system.

02_bottega_artigiana_tonini_19051

Workshop and street work, Tonini’s cobbler – Udine, beginning ‘900

Endeavours of family: After the 500s, the workshop of the artists vanished, substituted by academia and the studio. In times closer to us, shops generally substitute the voice of workshops, which is always becoming more decayed. In its meaning of productivity the workshop still survives today in the form of the artisans laboratory / workshop, often family managed, sometimes overlapping as a place to live. The masters of these workshops are in custody of cooperative knowledge and they pass on the crafts to their children, who in many cases build small impacts in the universe and in the Italian map of productivity.

02_un posto in fabbrica

A place in a factory: with the change of the economic world, society and cities are reorganising themselves at the industrial extremes to produce, to give work and to use well new economies that are now indispensable. The factories, above all in provincial areas, became places of liberation of individuals who were able to establish through the work, outside of the familial context a model price of production that almost never takes into account the inter-human dynamics but only the numbers and profits.

02_scuola liuteria milano

Lute workshop, Milan

Manual knowledge: The social aspect and involvement of individuals indicate the difference between an industrial space and that of artisans and small family businesses. The hyper-local economic hyper-scale is compatible with a diffused economic model and is best distributed and the rediscovery of hands and workbenches constitute some of the motives to renew interest in artisan activities within a post-digital society. Besides the artisan dimension, the need to put life’s passions and interests at the centre gives rise to the small questions of knowledge and manual skills, to give shape to their desires, also rediscovering traditional crafts and simple activities that people no longer want to buy, but to do themselves in a more independent and aware way, sometimes in the form of entrepreneurship. To know how to do something creates knowledge, and knowledge helps us to choose and recognise the value of spaces, products and services.

02_lab1

L’Hub, creative workshop-store – Milano

Post-digital society and third places: Daily gestures, customs and the way of interacting with a space and with people show deeply the needs of the space and of the objects that we use for living. The new society is made of people who move quickly, live in smaller houses (sometimes sharing) and more commonly based on location. We change house, also within the same city, with great ease, and in general we have a great desire to live better with less, and consequently they adapt better to transformable spaces, personal and customised objects, produced in self-made houses.

02_barberia

Barber place in Brazil, an example of “third place”

In the publication The Great Good Place, Ray Oldenburg speaks of Third Places, halfway between the house and work. The Third Places are described as anchors of community life that favour and facilitate the human interactions and creativity. Oldenburg suggests the following characteristics to identify a Third Space: free or not expensive, food and drink – also if it’s not indispensible, they are important; easily reachable, in close proximity to many things, also on foot; to involve the regular frequenters – those who often meet there, and to be welcoming and comfortable.

Are our cities are adequately structured in shape, tools and mediation spaces between the activities and the individual? Does parity exist in the area of Third Spaces and what are the places for children and youth? Can we create an economy in the middle of the city, or must we resign ourselves to parking for the elderly? In what way can the elderly create value for themselves in the city that works?

///

Nel post precedente della co-making saga, abbiamo lanciato un interrogativo: come sono cambiati i luoghi del fare insieme tra ieri e oggi? Quindi qui proviamo a tracciare un percorso del making sociale per piccoli passi.

L’organizzazione dei luoghi del fare, risponde a un bisogno primario dell’Homo Faber, ossia l’uomo come artefice, capace di creare, costruire, trasformare l’ambiente e la realtà in cui vive, adattandoli ai suoi bisogni. La civiltà contadina e la vita rurale costituiscono i primi esempi di organizzazione sociale del lavoro, dove a dettare la collaborazione di tutta la famiglia, comprese donne e bambini, non è solo principio della produttività e della divisione dei compiti, ma soprattutto la divisione dei carichi di attività faticose e lente. I lavori che si fanno alla seggiola o sul posto, vengono portati nella aia, o in strada, dove si alterna il lavoro al sollievo dei convivi e delle feste. Alle economie del settore primario dei luoghi principalmente rurali si associano le attività di trasformazione e vendita dei locali commerciali e artigianali della città, nella forma della bottega, ossia il locale destinato alla vendita delle merci, dove talvolta si producono gli stessi oggetti dei quali si esercita il traffico.

Bottega e lavoro di strada (workshop and street work): la bottega nasce come taberna nella Roma antica, e si caratterizza inizialmente come avamposto commerciale del liberto e come luogo di mescita di vino sfuso. La radice latina di bottega è apotheca, per derivazione in siciliano putìa, o putìa dû vinu sfusu dove ci si reca per acquistare o consumare in compagnia. Le botteghe dal medioevo in poi diventano i luoghi deputati alle arti meccaniche per la produzione di manufatti artigianali. La bottega non serviva soltanto come deposito di merce da vendere, era al tempo stesso laboratorio, quando questo non occupava un retrobottega o qualche ammezzato o palco, dove stavano generalmente i garzoni o discepoli, cui spesso il maestro dava anche vitto ed alloggio, e i lavoranti, in attesa di poter aprire bottega da loro. Seppure la divisione dei compiti non seguisse criteri scientifici, pensando alle prime tipografie a caratteri mobili, o alle liuterie, gli attori del lavoro di bottega eseguono pezzi di lavoro in un sistema organizzato e produttivo.

Imprese di famiglia: dopo il Cinquecento le botteghe degli artisti scompaiono, sostituite dall’accademia e dallo studio. In tempi a noi più vicini la voce bottega, andata sempre più decadendo, è generalmente sostituita dal negozio. Nella sua accezione produttiva la bottega sopravvive fino ai nostri giorni nella forma di laboratorio artigianale, spesso a conduzione famigliare, a volte sovrapposto al domicilio abitativo. I mastri di questi laboratori sono custodi di un sapere corporativo e trasmettono il mestiere ai loro figli, che in molti casi costruiscono piccole imprese nell’universo della mappa produttiva italiana.

Un posto in fabbrica: con il cambiamento del mondo economico, la società e le città si riorganizzano intorno ai poli industriali, per produrre, dare lavoro, e consumare beni economici nuovi e ora indispensabili. Le fabbriche soprattutto in provincia diventano i luoghi dell’emancipazione degli individui che possono determinarsi attraverso il lavoro, fuori dal proprio contesto famigliare a prezzo di modelli di produzione che non tengono conto quasi mai delle dinamiche interumane, ma solo di numeri e profitto.

Consapevolezze manuali: l’aspetto sociale e il coinvolgimento degli individui segnano la differenza tra lo spazio industriale e quello artigianale della piccola impresa famigliare. La scala economica hyper local compatibile con un modello economico diffuso e meglio distribuito e la riscoperta delle mani e dei banchi da lavoro costituiscono alcuni dei motivi del rinnovato interesse per le attività artigianali nella società post-digitale. Oltre la dimensione artigianale il bisogno di mettere al centro della propria vita passioni e interessi, da luogo alla formazione di micro domande di conoscenze e sapere manuali, per dare forma ai propri desideri, riscoprendo anche mestieri della tradizioni o attività semplici che non si vogliono più acquistare, bensì fare da sé in modo autonomo e più consapevole, a volte in forma imprenditoriale. Saper fare le cose crea conoscenza, e la conoscenza ci aiuta scegliere e a riconoscere il valore di spazi, prodotti e servizi.

Società post-digitale e ‘terzi luoghi’ (third places): I gesti quotidiani, i costumi e le modalità di interazione con lo spazio e con le persone segnano profondamente i requisiti degli spazi e degli oggetti che ci usiamo e viviamo. La nuova società è fatta di gente che si sposta rapidamente, vive in case più piccole, a volte condivise, e sempre più spesso in locazione. Cambiamo casa, anche all’interno delle stesse città, con maggiori facilità, e in generale abbiamo un grande bisogno di vivere meglio con meno, per conseguenza si adattano meglio alle nostre esigenze spazi trasformabili, oggetti personali e personalizzabili, produzioni in casa self made.

Nella pubblicazione The Great Good Place, Ray Oldenburg parla di Third Places, mediani fra la casa e il lavoro. I ‘Luoghi Terzi’ vengono descritti come ancore della vita comunitaria, che favoriscono e facilitano le interazioni umane e la creatività. Oldenburg suggerisce le seguenti caratteristiche per individuare i terzi spazi: gratis o non cari; cibo e bevande, anche se non indispensabili, sono importanti; facilmente raggiungibile, in prossimità di molte cose, anche a piedi; per coinvolgere gli abituali frequentatori – coloro che abitualmente si riuniscono là; e per essere accogliente e confortevole.

Le nostre città sono adeguatamante strutturate con forme, strumenti e spazi di mediazione tra le attività e gli individui? Esiste parità di genere per i Terzi Luoghi e qual’è il posto per i bambini e i ragazzi? Si possono creare delle economie nella città di mezzo, o dobbiamo rassegnarci a parcheggi per anziani? In che modo gli anziani creano valore per sè stessi e per la città che lavora?

Advertisements

One thought on “Co-making Saga | 2. Homo Faber

  1. Pingback: vado in messico? | Sognando una città che collabora

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s